Nazione di residenza del conducente
Età conducente

Inserisci i dati anagrafici del conducente principale affinchè possa essere calcolato un corretto importo assicurativo

ritiro
Codice convenzione:
Attenzione, nessun punto di ritiro attivo nel comune indicato.

Di seguito elenchiamo una lista di comuni limitrofi, che presentano un centro noleggio:

Purtroppo non ci sono punti affiliati nell'arco di 0 chilometri dalla città indicata.

      28/11/2019 - 

    Timbuktù, la città dei 333 santi

    timbuktu La suggestiva Timbuktù è una città del Mali, Stato dell'Africa occidentale, a due passi dal fiume Niger, che nel recente passato è stata inserita tra le finaliste delle sette meraviglie del mondo moderno.

    Per la sua bellezza e importanza la città è stata insignita con il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell'UmanitàUNESCO. Inoltre, molti la considerano come una città unica in tutto il mondo per via delle sue caratteristiche costruzioni realizzate in fango, ed è conosciuta anche con l’appellativo di “città dei 333santi”.

    Di seguito le cose principali da vedere durante un soggiorno a Timbuktù.

    Le tre moschee di terra della leggendaria Timbuktù

    moschea DjinguereberLa moschea Djinguereber è sicuramente la più importante attrazione da visitare a Timbuktù. La sua costruzione risale alla prima metà del XIV secolo, ad opera dell'architetto Abu al Haq al Saheli su volere dell'imperatore Mansa Musa.

    Dalla fine degli anni Ottanta, la moschea Djinguereber è stata inserita nel Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO, e insieme alle moschee Sidi Yahya e Sankorè va a comporre la celebre Università diTimbuktù.

    Delle 3 moschea quella Sidi Yahaya è avvolta nella leggenda; si narra che nessuno debba aprire il portone principale, non prima almeno che giunga la fine del mondo. La sua costruzione, attestata nella prima metà del XV secolo, è successiva alla moschea Djinguereber, mentre la più antica moschea di Timbuktù è quella Sankorè, costruita tre anni prima rispetto alla più famosa Djinguereber.  

    Timbuktù, tra l’altro, è conosciuta, come detto in precedenza, con l’appellativo di città dei 333 santi, poiché vi sono 333 santi sepolti tra cimiteri, mausolei e tombe semplici, il che portò a ospitare in città decine e decine di devoti e pii fedeli.  

    Quando andare a Timbuctù e Festival au Desert

    moschea sankoreIl periodo migliore per visitare la città di Timbuktù è durante i mesi invernali, da novembre a febbraio: le temperature vanno dai 31 ai 36 gradi, mentre di notte la minima in media si attesa intorno ai 20 gradi.

    Bisognerebbe, invece, evitare una partenza nei mesi di maggio e giugno, quando la temperatura massima si attesta in media sui 43 gradi.

    Proprio nel mese di gennaio si celebra il Festival au Desert presso Essakane, località posizionata a pochi chilometri dalla suggestiva città del Mali. Il festival annuale rievoca i raduni della popolazione Tuareg presso Timbuktù, che prendono il nome di Temakannit o Takoubelt.

    In occasione del festival, tra i tanti eventi in programma, imperdibili la corsa di cammelli e le danze popolari. Da più parti si ritiene che il Festival au Desert sia l'evento più importante che si celebra a due passi da Timbuktù.

    Grazie per esserti iscritto!